Le semplici ma geniali rielaborazioni di Lucas Ossendrijver Direttore Creativo della collezione Lanvin Menswear AI 2017 2018

È dal 2005 che Lucas Ossendrijver collabora con la Maison Lanvin. Il suo stile è un mix perfetto di innovazione, tecnologia e know-how acquisito durante i suoi studi presso il prestigioso Fashion Institute di Arnhem, e consolidato poi durante la sua carriera. Ha iniziato a lavorare nel 1997 per la Maison Kenzo, poi ha successivamente collaborato con lo stilista Kostas Murkudis e con Hedi Slimane per la linea Dior Homme. Oggi la collezione Lanvin Menswear AI 2017 2018 è la perfetta espressione del suo genio creativo scaturito dal suo savoir-faire, dalle sue origini e dalla sua cultura personale.

Lucas Ossendrijver è nato a Amersfoort, nei Paesi Bassi, e il suo concetto di moda è appunto l’esatta espressione della sua cultura, come lui stesso ha spiegato: «La mia cultura nordica mi spinge a semplificare le cose, mette a nudo la loro essenzialità. Ma questa è solo un’impressione. Interiormente, sono molto in sintonia con la leggerezza dell’eleganza francese e con il suo look improvvisato, meno codificato che in Italia o in Europa del Nord, ma comunque attentamente disegnato. »

 

Lanvin Menswear AI 2017 2018Lucas Ossendrijver, Direttore Creativo della collezione Lanvin Menswear AI 2017 2018

 

Lucas Ossendrijver ama sperimentare e riesce a essere innovativo grazie all’uso di tessuti tecnici, sapientemente combinati con le tecniche sartoriali tradizionali. La sua costante ricerca di nuove interpretazioni di forme e materiali lo porta a dare vita a un prodotto contemporaneo, audace, dove le silhouette classiche vengono modernizzate con tagli meno rigidi e più fluidi, dai quali nascono volumi inediti creati ad esempio con pieghe o cuciture sfalsate.

Per la collezione Lanvin Menswear AI 2017 2018 Lucas Ossendrijver ha voluto concentrarsi sull’essenza della progettazione basandosi sulla costruzione e le proporzioni. Nessun effetto elaborato o decorativo superfluo per questi capi ispirati al mondo che ci circonda e alla vita di tutti i giorni. Spezzano la monotonia dell’idea di quotidiano accessori inaspettati ma estremamente semplici come le sciarpe con la parola Nothing che appaiono spesso in sfilata, i marsupi, le sneakers bicolore, gli stivaletti stringati da trekking e i beatles a tinte forti.

Tutto il resto è un insieme di pezzi emblematici del guardaroba maschile totalmente rielaborati, come l’abito aderente con spalle modellate fino a formare pieghe simili a impronte grafiche lungo le maniche e la schiena, o il cappotto oversize rifinito con un dettaglio effetto tubolare 3D a contrasto lungo il collo. Molto particolari anche i maglioni ampi ma corti, le T-shirt tagliate in sbieco e i pantaloni chino realizzati con patchwork di tessuti, o in cotone tinto a mano con sfumature irregolari di colore.

Interessanti i patch di Velcro geometrici che creano movimento visivo e gli inserti a contrasto che delineano e rinnovano le forme di cappotti e giacconi. Nella collezione Lanvin Menswear AI 2017 2018 è presente anche la pelle utilizzata per giubbotti Perfecto, giacche e cappotti. I tessuti tecnici sono stati invece selezionati per le giacche a vento sportive e i parka.

 

www.lanvin.com

 

Immagini gentilmente fornite dall’Ufficio Stampa Italia della Maison Lanvin

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail